TEMPIO DELLA CONCORDIA

Situati alle pendici del Campidoglio (sulla destra guardando il colle), sono visibili 
dei resti che sono tutto quello che rimane del Tempio della Concordia. Dell'edificio 
rimangono il podio in muratura, parti delle pareti, l'ingresso della cella formata da
due lunghi blocchi di marmo e il nucleo del basamento della statua per il culto 
della dea, situata in fondo alla cella (immagine 1, immagine 2).
La costruzione del tempio venne realizzata nel 367 a.C. per ordine di Marco Furio 
Camillo per celebrare la pace tra patrizi e plebei grazie alla loro equiparazione nei 
diritti politici. Vennero effettuati dei restauri nel 121 a.C. ad opera di Lucio Opinio, 
e in seguito tra il 7 a.C. e il 10 d.C. ad opera di Tiberio che provvide ad arricchirlo 
di numerose opere d'arte. Sono da ricollegare a quest'ultimo restauro l'assetto e i 
resti che si possono attualmente vedere: la cella  molto larga (45 per 24 metri) ed 
 preceduta da un pronao che doveva essere formato da una gradinata e da 6 co-
lonne corinzie sulla facciata (uno dei capitelli  stato sistemato nell'Antiquarium 
Forense).
 

HOME